13 banche svizzere dovranno pagare una multa di un miliardo di dollari agli USA per evasione fiscale. Lo riportano due quotidiani svizzeri. Washington non punisce solo i clienti americani sospettati di evasione, ma anche i funzionari che li hanno aiutati ad occultare le proprie risorse. L’elevato importo potrebbe causare la chiusura degli istituti e per questo il Ministro delle Finanze, Eveline Widmer Schlumpf sta pensando ad un accordo e ha presentato ad aprile una bozza al Governo di Berna per la regolarizzazione delle pendenze tra gli Stati Uniti e la piazza finanziaria svizzera.

Nonostante il favore positivo verso l’impegno di contrastare l’evasione fiscale internazionale, ci sono ancora molte perplessità sulle modalità di azione e sulla stessa abolizione del segreto bancario, su questo punto la Svizzera è quasi vicina al sì, nel frattempo, con i vari paesi europei, proprio come è avvenuto con gli Stati Uniti, si è presa carico del debito causato dall’evasione, ma con la Germania, ad esempio, questo tipo di accordo non è stato concluso. Ada Marra, membro della Commissione delle finanze del Parlamento elvetico ha commentato di ritenere giusta la decisione di un accordo globale e della punizione sanzionatoria delle banche, ma si ritiene contraria nel fornire agli Stati Uniti i nomi dei consulenti bancari coinvolti nei casi di evasione fiscale.

Erica TrevisanNotizie13 banche svizzere dovranno pagare una multa di un miliardo di dollari agli USA per evasione fiscale. Lo riportano due quotidiani svizzeri. Washington non punisce solo i clienti americani sospettati di evasione, ma anche i funzionari che li hanno aiutati ad occultare le proprie risorse. L’elevato importo potrebbe causare...Dal 2010 la tua guida al mondo delle banche in Svizzera