Il pressing sulle banche elvetiche da parte del fisco americano e degli altri paesi creditori porterà conseguenze sociali per i lavoratori degli istituti coinvolti. Le 14 banche in conflitto con l’ente di controllo fiscale statunitense stanno operando profonde ristrutturazioni interne che implicano il licenziamento di molti degli operatori. Alcune banche stanno trasferendo la loro attività finanziaria dalla Svizzera ad altri paesi. La Liechtensteinische Landesbank ha annunciato la fine della quasi totalità delle sue attività in Svizzera e ha firmato un piano sociale per tenere a Ginevra soltanto cinque collaboratori.
Altre banche come HSBC, Credite Suisse e UBS stanno tagliando il personale e modificando il loro pacchetto prodotti. HSBC ha spiegato che vuole diminuire le attività internazionali e concentrarsi su una clientela composta prevalentemente da imprenditori e famiglie, cosciente degli ulteriori licenziamenti che questa operazione comporterà.
La scorsa settimana, con maggioranza assoluta, la Camera dei Deputati svizzera aveva respinto l’accordo LEX USA, che avrebbe comportato la rappresaglia contro le 12 banche accusate di aver aiutato migliaia di cittadini statunitensi a frodare il Fisco. L‘accordo LEX USA, richiesto anche dalla comunità internazionale, avrebbe permesso alle singole aziende di trasmettere alla giustizia americana i dati sui loro clienti. Le banche rischiavano di pagare una cifra che oscillava tra i 10 e i 20 milardi di euro. Con il no di Berna sulla LEX USA, si aprirà un processo molto duro contro le banche svizzere, la cui reazione non è stata positiva nei confronti del no del governo, dal quale attendono un chiarimento. In un comunicato, l‘Associazione dei banchieri ha affermato: “il provvedimento avrebbe rappresentato il modo migliore per garantire la certezza del diritto e perché le banche potessero chiudere definitivamente il loro contenzioso con gli Stati Uniti“.

Erica TrevisanNotizieIl pressing sulle banche elvetiche da parte del fisco americano e degli altri paesi creditori porterà conseguenze sociali per i lavoratori degli istituti coinvolti. Le 14 banche in conflitto con l'ente di controllo fiscale statunitense stanno operando profonde ristrutturazioni interne che implicano il licenziamento di molti degli operatori. Alcune...Dal 2010 la tua guida al mondo delle banche in Svizzera